Avis Castelnuovo di Porto

Vai ai contenuti

Menu principale:

COMUNICAZIONI IMPORTANTI


Chikungunya: COMUNICATO UFFICIALE DEL CENTRO NAZIONALE SANGUE

A seguito dei casi di Chikungunya che sono stati confermati a Roma è stato deciso il blocco delle donazioni di sangue ed emocomponenti nella Asl 2 del comune di Roma ed Anzio.
Nel resto del comune di Roma la donazioni è consentita. I donatori che hanno soggiornato nei comuni interessati saranno invece sospesi per 28 giorni, dopo i quali potranno venire a donare normalmente.

Data la sospensione in alcune zone di Roma, c'è ancora più bisogno di sangue...

NOI EFFETTUEREMO LA DONAZIONE DOMENICA 15 OTTOBRE con l'Autoemoteca in Piazza Vittorio Veneto e VI ASPETTIAMO NUMEROSI.

La Chikungunya ( CHIKV ) è una malattia di origine virale, causata da un virus che appartiene alla famiglia delle Togaviridae ( Arbovirus ) , del genere degli Alphavirus.
Dopo un periodo di incubazione di 3-12 giorni, si possono manifestare sintomi simili a quelli dell'influenza, con febbre alta, brividi, nausea, vomito, cefalea e soprattutto importanti dolori articolari ( da cui deriva il nome Chikungunya, che in lingua Swahili significa " Ciò che curva o ' contorce ' " ) , a causa dei quali i pazienti tendono a rimanere assolutamente immobili e assumere posizioni che consentano di limitare il dolore.
Il quadro è accompagnato, in alcuni casi, da manifestazioni cutanee maculopapulari pruriginose, che talora possono assumere caratteristiche di tipo emorragico benigno ( petecchie, ecchimosi, epitassi, gengivorragie ) . Il tutto si risolve spontaneamente, in genere in pochi giorni, anche se i dolori articolari possono persistere anche per molti mesi.
Le complicanze più gravi sono rare e possono essere di natura emorragica o neurologica, soprattutto nei bambini. In rarissimi casi la Chikungunya puù essere fatale, in particolare in soggetti anziani con sottostanti patologie di base.
Alcuni informazioni importanti sulla malattia di CHAGAS


Il DM 2 novembre 2015 recita testualmente nell'Allegato III B.1 a proposito dei criteri di esclusione temporanea del donatore per malattie infettive:

"I soggetti nati (o con madre nata) in paesi dove la Malattia di Chagas (tripanosomiasi americana) è endemica, o che sono stati trasfusi in tali Paesi, o che hanno viaggiato in aree a rischio (rurali) e soggiornato in condizioni favorenti l'infezione (camping, trekking) possono essere ammessi alla donazione solo in presenza di un test per anticorpi anti-Tripanosoma Cruzii negativo."

La malattia di Chagas è dovuta ad un parassita (Tripanosoma Cruzii) trasmesso attraverso la puntura di cimici, è endemica in Messico, Centro America e Sud America (tanto è vero che in quei Paesi il test è obbligatorio su tutte le donazioni di sangue) ed è subdola, in quanto i danni cronici a cuore, esofago e colon possono manifestarsi dopo parecchi anni dalla puntura.

Il decreto non pone limiti temporali ai viaggi effettuati ma solo al tipo di zone frequentate, che però sono difficilmente documentabili soprattutto a distanza di anni.

Per questo motivo, a tutela della salute del donatore e del ricevente, è necessario che chiunque abbia viaggiato nella propria vita in Messico, Centro America e/o Sud America si sottoponga al test Chagas preliminarmente alla donazione (come specificato dal decreto).

Il test richiede il prelievo di un campione di sangue opportunamente etichettato e accompagnato da specifica modulistica da inviare al CQB Pertini, che di norma rende disponibile il risultato entro 48-72 ore.

Si può discutere se il prelievo sia fattibile anche durante le raccolte esterne senza comprometterne l'organizzazione generale per evitare di far venire il donatore al SIMT, ma in ogni caso non può essere contestuale alla donazione.
Avis Comunale Castelnuovo di Porto
C.F 97224070587
Tel. 3483654909 - fax 06 9078057
Torna ai contenuti | Torna al menu